Produttori

Allergie di stagione: consigli e rimedi

mar 26, 2019

L’arrivo della primavera porta con sé il bel tempo e la voglia di uscire all'aria aperta. Tuttavia, per 4 italiani su 10, una bella giornata al parco o una passeggiata sotto il sole primaverile possono trasformarsi in un vero e proprio incubo. Per chi soffre delle cosiddette allergie di stagione, infatti, il periodo che va da aprile a giugno è decisamente critico a causa della massiccia presenza nell’aria di pollini ed allergeni. Vediamo insieme quali sono i sintomi e quali possono essere i rimedi più efficaci per le allergie primaverili.

 

Allergie primaverili: cosa sono

La comparsa dei pollini primaverili è una delle principali cause di allergia e colpisce 4 italiani su 10 con arrossamento agli occhi, lacrimazione, prurito e congestione nasale. I pollini sono piccole particelle rilasciate nell'aria dalle piante. Queste particelle vengono rilasciate affinché si depositino su altre piante, nel terreno o sulla pianta stessa che li rilascia per avviare il processo di riproduzione. Quando però entrano in contatto con le nostre mucose, queste particelle possono innescare una reazione allergica dovuta alla presenza di antigeni. Il contatto con queste sostanze innesca l'attivazione delle immunoglobuline (le immunoglobuline di tipo E, denominate IgE) che, a sua volta, provoca un processo infiammatorio delle mucose. I Pollini che più facilmente scatenano reazioni allergiche sono quelli appartenenti a piante senza fiori, come le graminacee e le platanacee. Spesso questi pollini si ritrovano a chilometri e chilometri di distanza dalla pianta che li ha prodotti e per questo è molto difficile cercare di evitarne il contatto.

 

Allergie primaverili: i sintomi

I sintomi con i quali si manifestano le allergie primaverili sono diversi e variano da una persona all'altra coinvolgendo in particolare gli occhi, il naso e i bronchi. Fra i sintomi classici dell'allergia alle graminacee e pollini ci sono il prurito al naso - con attacchi di starnuti continui e sensazione di congestione nasale - e agli occhi. Si aggiungono congiuntivite, prurito all'altezza della gola, difficoltà a respirare e un senso di malessere generale. Nei soggetti particolarmente sensibili, infatti, l’allergia può manifestarsi in maniera più violenta con dermatiti, fastidiose congiuntiviti ed episodi di asma che mettono a dura prova la salute e il benessere dell’intero organismo.

 

Come prevenire i fastidi legati alle allergie primaverili

Per evitare tutti questi fastidiosi sintomi che potrebbero trasformare la stagione primaverile in un vero e proprio incubo, ci sono alcuni consigli pratici da seguire ogni giorno. Si tratta di piccoli accorgimenti quotidiani che consentono di prevenire e limitare le conseguenze più invasive dell’allergia, aiutando a godersi la primavera in pieno benessere:

-          Lavare spesso gli occhi con acqua fredda;

-          Prima di andare a dormire, applicare sulle palpebre un batuffolo di cotone imbevuto di un infuso di camomilla e rosmarino;

-          Adottare una dieta disintossicante, con frutta e verdura di stagione;

-          Integrare l’alimentazione con alimenti ricchi di vitamina C (arance ma anche carote, peperoni, broccoli, cavolfiori, fragole, spinaci, limoni, kiwi e ribes nero), flavonoidi (cipolle, mele, prezzemolo, pomodori, broccoli, legumi e lattuga) ed Omega 3 (salmone, pesce azzurro, semi di canapa, olio e semi di lino);

-          Manutenere e pulire i filtri e dei condotti di aeratori, condizionatori e umidificatori: impianti non sanitizzati, infatti, possono causare problemi alle vie respiratorie in particolare nei periodi di picco degli allergeni.

-          Consultare regolarmente il calendario dei pollini e le informazioni sugli allergeni della propria località di residenza, ricordando che la fioritura di piante responsabili dei principali allergeni avviene non solo in primavera.

Calendario allergie graminacee

 

Categories